L’assenza è stata lunga, almeno per me, non poter esprimere le mie idee, non poter dire ciò che penso, questo mi ha fatto sentire legato.

Anche se so che pochi leggevano, mi sentivo libero, libero di poter dire quello che voglio, libero di poter far capire alla gente ciò che penso e ciò in cui credo, libero di fare ciò che più mi piace, scrivere.

Cosa c’è oltre scrivere che ti appaga tanto? Sapere che un giorno, anche il più lontano da questi, qualcuno possa rileggere, possa interpretare e rispecchiarsi in ciò che abbiamo scritto o scriveremo per quanto riusciremo a farlo è una cosa che mette i brividi, se non a voi almeno a me si!

Stare senza un pubblico è una cosa, per chi c’è abituato, stremante, estremamente stremante.

Ringrazio i pochi che mi hanno ” bastonato ” quando ho deciso di lasciare il blog, se pure con la clausola ” magari ritornerò ” come avevo infatti scritto, ringrazio anche quelli che mi hanno continuato a leggere, spulciando vecchi articoli, rileggendo, come ho potuto vedere dalle statistiche, antichi e ormai persino da me dimenticati ” posts “… Comunque sia e comunque andrà avanti, grazie a tutti, soprattutto a quelli che torneranno a leggere tutto quello che scrivo!

 

A.G. Gershwin

Annunci